GRATIS

LAVORATORI CHE VANNO ALL’ESTERO E LAVORATORI STRANIERI CHE VENGONO IN ITALIA - Slides

€0.00

SHR RES

Il materiale affronta le numerose questioni che le aziende devono risolvere per gestire correttamente i lavoratori inviati all’estero: come regolare contrattualmente il rapporto di lavoro durante il periodo di distacco? È necessario costituire un ufficio di rappresentanza, una filiale o una società consociata per poter inviare un proprio dipendente a lavorare in uno Stato estero? Quando è possibile evitare la doppia imposizione fiscale e contributiva? Come salvaguardare la posizione contributiva del lavoratore in Italia in caso di trasferimento?

Per non incorrere in gravi sanzioni, è necessario conoscere le norme del Paese di invio (Italia) e quelle del Paese di destinazione.

Quanto agli stranieri che vengono in Italia, molto interesse assume la possibilità di ottenere un’autorizzazione all’ingresso al di fuori delle quote. In questi ultimi anni, sono state introdotte nuove tipologie di visto e permesso di soggiorno, per rendere più competitiva l’Italia nella capacità di attrazione e di mantenimento delle risorse internazionali. Da ultimo, nell’autunno 2015, delle novità sono state introdotte anche nel settore fiscale.

  • Trasferta all’estero, distacco e trasferimento: le regole.
  • La documentazione da predisporre per l’invio all’estero.
  • Qual è il regime previdenziale applicabile: costi e adempimenti.
  • Le regole sulla tassazione dei redditi da lavoro.
  • Assegnazione virtuale, pendolarismo, contratti brevi.
  • Le c.d. employment companies: cosa insegna l’esperienza.
  • Visti e permessi di soggiorno degli stranieri in Italia: le novità.
  • Il regime fiscale speciale per i lavoratori espatriati in Italia.
  • Appalto e distacco di lavoratori stranieri in Italia.

GIANLUCA SPOLVERATO: avvocato, consulente legale

GIULIA PERIN: avvocato, consulente legale